crescita mercato ai

AI, Sviluppo del Mercato

Due utili lavori permettono di avere un’idea di come, quanto e quando il settore dell’ AI, l’intelligenza artificiale, potrebbe svilupparsi. Essi trattano due tematiche diverse e per questo permettono di sintetizzare un’idea predittiva riguardo le dinamiche che caratterizzano questo mercato.

Il primo, di fine maggio, è un paper congiunto pubblicato da ricercatori di Oxford University e Yale University: esso interroga un elevato numero di studiosi della materia su quando l’evoluzione di AI sarà in grado permettere HLMI (High Level Machine Intelligence), e cioè automi che effettuano compiti lavorativi in maniera e con costi produttivi almeno uguali ai corrispondenti umani. Le risposte vengono analizzate per macro-settori di impatto, aree geografiche di provenienza degli intervistati e macro-trend evolutivi ritenuti importanti.

Il secondo, di marzo, è un commento sulle pagine del WSJ curate da Deloitte circa una ricerca effettuata dalla stessa su come e quanto le tecnologie cognitive impatteranno sulla produzione delle prime cento aziende globali di software entro il 2020. L’articolo, che prevede una percentuale di impatto del 95%, è rilevante anche per la completezza delle fonti citate e per la rapida analisi che effettua, alla fine, con riguardo il trend di investimenti effettuati dai VC.

L’estrema sintesi è un mercato in rapida crescita caratterizzato, dal punto di vista temporale, da macro-settori trainanti definiti da una minore complessità di approccio iniziale: questo nell’ambito di una tecnologia articolata destinata a pervadere e rivoluzionare il mondo produttivo e quindi del lavoro; l’opinione è supportata dai dati di investimento di chi si attende profitti finanziari a medio termine.

Leave a Reply

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.